Il Comitato Europeo per la Protezione dei dati adotta la prima decisione ai sensi dell’art.65 GDPR: sanzione contro Twitter in arrivo

Le autorità Garanti europee non trovano accordo sulla decisione da assumere riguardo l’esposizione di dati di utenti Twitter a causa di un bug della piattaforma stessa. Il Garante per la Protezione dei dati personali irlandese deferisce il caso all’EDPB, che ha attivato la procedura prevista dall’art.65 per adottare una decisione unica, armonica e valida per tutto il territorio UE: è la prima volta che accade. Sanzione in vista per Twitter.

 

LEGGI L’ARTICOLO

Dati biometrici: l’aumento delle tecnologie che li utilizzano preoccupa il Garante Europeo

Il Coronavirus ha solo incentivato e accelerato, obbligata dalla gravità della situazione, una tendenza che già era evidente, quella della diffusione sempre più capillare di dispositivi che raccolgono e utilizzano dati di tipo biometrico. Dati biometrici che sono estremamente sensibili, difficile quindi poter ancora ignorare gli aspetti di privacy e di data protection. Così il Garante Europeo per la Protezione dei Dati, Wojciech Wiewiórowski, ha deciso di sollevare apertamente le proprie preoccupazioni sul tema.

LEGGI L’ARTICOLO

Un attacco Ransomware è da considerarsi anche un data breach: l’esempio dell’attacco a Luxottica

E’ comune per le aziende colpite da ransomware rassicurare i clienti con frasi del tipo “non risultano utilizzi fraudolenti o illeciti dei dati”, ma la realtà dei fatti è che le aziende vittime di attacco non possono saperlo, fino a che questi dati non vengono pubblicati in forma di ricatto o messi direttamente in vendita nel dark web a scopo di profitto. L’evoluzione del mondo dei ransomware è chiara: sempre più spesso rubano i dati presenti in rete PRIMA di procedere alla loro criptazione, garantendosi molti dati sensibili, uno strumento di ricatto ulteriore ed una eventuale fonte di profitto in caso di rivendita di identità digitali.

 

LEGGI L’ARTICOLO 

Data Breach: non solo sanzioni

La rigorosa applicazione del GDPR non è soltanto un obbligo di legge, ma anche un dovere di ogni imprenditore e professionista a fronte dei cyber rischi in cui può incorrere e di quelli che può fare correre a sua volta a clienti, fornitori, dipendenti e collaboratori. Ecco perchè è necessario prevedere rigorose discipline di controllo nell’applicazione del GDPR, ma anche procedure a cui attenersi in caso di databreach dei quali altrimenti ci si accorgerebbe solo quando è troppo tardi: il Garante potrebbe anche emettere ulteriorI sanzionI da aggiungere ai danni economici, probabilmente di immagine e con i propri clienti.

LEGGI L’ARTICOLO

TikTok, arriva la proposta di ByteDance: sede negli USA e controllo dei dati a Oracle

Donald Trump lo aveva detto chiaro e tondo: dopo il 20 Settembre la Casa Bianca è pronta a vietare TikTok negli Stati Uniti se la società non sposterà la sede negli USA e non diverrà una società indipendente. Da qui si è attivata una ricerca da parte di Byte Dance (società cinese che possiede TikTok), piuttosto concitata, in cerca di partner USA. Dopo una breve parentesi nella quale sembrava a un passo l’accordo con Microsoft, si è fatta avanti Oracle che, ad ora, sembra il partner tecnologico più accreditato.

LEGGI L’ARTICOLO

Facebook e Instagram: addio all’Europa?

Facebook potrebbe abbandonare l’Europa? Dopo la decisione dell’Authority Irlandese di vietare a Facebook il trasferimento dati in USA, lo scenario è quantomeno verosimile. La sospensione del Privacy Shield e i timori, espressi esplicitamente nell’ordine preliminare del Garante irlandese, di possibili operazioni di sorveglianza attuate dagli USA danno corpo ad una sospensione del trasferimento dati che Facebook ha dichiarato di non poter soddisfare, pena la sospensione del servizio nel vecchio continente.

LEGGI L’ARTICOLO

Sanzionato il Comune di Manduria: anche per difendersi si deve prima rispettare il GDPR

Anche nell’esercitare i propri diritti e tutelarsi, il Titolare di un Trattamento dati non può venir meno ai suoi doveri. Ne ha fatto le spese il Comune di Manduria, sanzionato nella misura minimale di € 2.000 dal Garante per la Privacy in una vicenda nella quale l’amministrazione locale, per tutelarsi a fronte di notizie stampa ritenute lesive della propria immagine, inviava una nota stampa nella quale comunicava alle testate giornalistiche i dati personali di una dipendente.

LEGGI L’ARTICOLO

Kit per lo smart working, ma con poche istruzioni per l’uso

Lo smart working sta offrendo maggiori possibilità di introdursi in sistemi informatici, con le conseguenze che ne derivano sul piano della protezione dei dati: nonostante ciò si registra scarsa attenzione sulla protezione dei dati e l’applicazione del GDPR. Non tutte le imprese e amministrazioni hanno preso atto che adesso ogni abitazione dei loro dipendenti è un luogo di lavoro e dovrebbe quindi garantire le stesse condizioni di sicurezza dell’ufficio…

LEGGI L’ARTICOLO

Morta a quindici anni per una sfida social: ennesimo dramma da Tik Tok. Anonymous parla di operazione di sorveglianza di massa

Muore a 15 anni per l’ennesima sfida social: si riaccendono le polemiche su TikTok. Una morte che è un nuovo grido di allarme su una app al centro delle polemiche, bandita in India perchè accusata di istigare alla pornografia e sotto accusa in Inghilterra come veicolo di pedopornografia. Anonymous ha invitato a cancellare subito questa app, parlando di gigantesca operazione di sorveglianza di massa del governo cinese.

LEGGI L’ARTICOLO